Per gli imprenditori bresciani un corso di lingua e cultura cinese

Stampa
Per favorire e rendere più facile la comunicazione e la negoziazione tra soggetti economici italiani e cinesi, l’Università Cattolica propone un corso di formazione di lingua e cultura cinese per gli operatori commerciali italiani. Si tratta di undici incontri (35 ore complessive), per approfondire la lingua e la cultura cinese. I primi sette si svolgeranno in laboratorio, dalle ore 17.30 alle 20.30; i successivi quattro incontri (ore 17-20.30) affronteranno i temi della società e comunicazione interculturale per un totale di 14 ore. L'ampio sviluppo economico della Cina e la sempre più evidente presenza di cittadini e operatori cinesi nelle maggiori città italiane inducono a un accurato approfondimento delle sue caratteristiche e delle sue prospettive future.
Fare affari in Cina non è semplice: quadro legislativo dinamico, ruolo differente delle relazioni e dell’economia, l’uso ancora predominante della lingua cinese nella documentazione tecnico-commerciale, specificità culturali differenti, costituiscono delle barriere che non possono essere trascurate. Proprio per questo l’Università Cattolica intende offrire all’imprenditoria bresciana uno strumento in più per dialogare con questa realtà.

Il corso che si svolgerà dal 1 ottobre al 17 dicembre, si rivolge ad un massimo di 20 partecipanti ed è gratuito. Le iscrizioni dovranno essere inviate entro il 23 settembre 2013 al Servizio formazione permanete form.permanente-bs@unicatt.it; tel. 030.2406501-504. Per maggiori dettagli, consultare il sito web www.bs.unicatt.it